Scuoti l’anima mia, Eros

di Maria Teresa Santaguida
di Maria Teresa Santaguida

Dal 4 al 9 febbraio 2014 al TFP lo Studio sul Simposio di Platone di Andrea De Rosa. Il 6 febbraio la lectio magistralis di Umberto Galimberti (Amore e follia) : immaginare – raccontare – capire l’Amore.

Uno spettacolo che affronta l’eros, indomito e dominante, barcollando sul filo sottile che separa l’esplicito dal tabù, ciò che è consentito da ciò che è vietato. Per esempio ai minori di 14 anni…

SIMPOSIO MINIATURA

Eroticocentrismo è la mia parola perché eroticocentrico è il nostro mondo. Constatazione, forse critica, ma spesso sembra di non uscire da questa prospettiva. Siamo immersi in vortici di desideri nascosti, perversioni e provocazioni, ed è il caso di fare una riflessione su questo potentissimo, talvolta “subdolo”, motore che muove pedine e scelte di tanti attori sociali.

MT1

Lo fa in parte Andrea De Rosa, regista campano, su un testo di Federico Bellini e con una compagnia di attori emergenti. Il punto di partenza è il Platone del Simposio: lo spettacolo indaga non solo nella parte filosofica di Amore, ma soprattutto nella sua parte più carnale e spudorata.

Andrea De Rosa, regista dello spettacolo
Andrea De Rosa, regista dello spettacolo

«E allora dimmi, l’amore è sempre amore di qualcosa?» interroga il maieutico Socrate protagonista del dialogo, domanda che prelude al quesito che anima davvero l’opera: «siamo veramente uno? O siamo solo metà?». Per questo cerchiamo sempre un’altra metà che ci completi? Cerchiamo l’unità, quella che il padre filosofico del parricida Platone, Parmenide, aveva intuito essere all’origine del tutto e aspirazione costante dei movimenti cosmici. Ancora per questo  ricerchiamo spasmodicamente un corpo che si affianchi al nostro, e altri corpi con cui condividere epidermicamente quanto scorre dentro di noi?

MT2

De Rosa inscena le domande, ma soprattutto le rende immagini calate nella società dell’immagine. Dove la pelle e il cuore contano meno di occhi avidi, di effigi pornografiche spesso vuote: questo spettacolo denuncia, mai “bacchettone”, è piuttosto immedesimato nell’eros di oggi e dimostra una profonda volontà di comprensione. E compassione. Parola che nelle lingue neolatine ha in sé la radice del “soffrire” (cum-passio) ma, come dice Kundera all’inizio dell’Insostenibile leggerezza dell’essere, in lingue come il tedesco ha la radice del “sentire” (Mit-gefühl): provare un sentimento insieme.

Perché, prima di tutto, Amore è un sentimento. È l’esigenza di tornare dalla pelle al cuore. Potrebbe non essere così difficile: potrebbe bastare uno spettacolo come questo, o una rilettura solitaria del Simposio.

STUDIO SUL SIMPOSIO DI PLATONE

di Platone

drammaturgia  Federico Bellini, regia Andrea De Rosa, produzione ERT

4|9 febbraio @ Teatro Franco Parenti

e

Giovedì 6 febbraio alle ore 18

 Lectio magistralis  di Umberto Galimberti — Amore e follia

 

One Comment

Add yours →

  1. grazie all’autrice di questo post per avermi incuriosita. ho visto lo spettacolo e mi è molto piaciuto. attori molto bravi! regia originale. spettacolo sessuale e sensuale, coinvolgente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: