La Compagnia MusellaMazzarelli racconta il suo corto Indagine su uno spettro al di sopra di ogni sospetto.

di Silvia D’Orazio (1988), studentessa in Lingue e Letterature Europee ed Extraeuropee presso l’Università degli Studi di Milano.

Intervista a Lino Musella (attore e regista) e Paolo Mazzarelli (attore e regista) della Compagnia MusellaMazzarelli.

Avevate mai pensato di lavorare su Amleto prima di Tfaddal?

Mazzarelli: No, mai.

Citate Amleto ricordando che il teatro serve a tenere lo specchio al mondo. Come si inserisce Amleto nel vostro percorso artistico?

Musella: Amleto è il vangelo per tutti gli attori e per chi scrive teatro, è un contenitore infinito di spunti e, proprio per questo, se ne potrebbero trarre decine corti. Quando ci è stato chiesto di fare una variazione su Amleto che durasse venti-venticinque minuti, anziché farne uno studio da costruire poi a due, abbiamo scelto di inventarci una storia, un’indagine, che si aprisse e chiudesse in venti minuti, un corto teatrale.

Mazzarelli: Amleto è il testo che ho letto più volte nella mia vita, ma nella nostra indagine nessuno di noi fa Amleto, volevamo come sfuggire a questa responsabilità ed è infatti un ragazzo di diciassette anni a recitarne la parte.

Come nasce l’idea di unire Amleto a Sherlock Holmes e Watson?

Musella: Per la nostra storia ci siamo ispirati al giallo e alle figure di Sherlock Holmes e Watson, ma, piuttosto che rubare i personaggi, abbiamo deciso di fare una riscrittura del genere giallo citandolo.

Mazzarelli: I due investigatori ci hanno permesso di raccontare una storia, di fare un’indagine sull’ossessione, sul pozzo senza fondo che è Amleto.

Qual è il tema di Indagine su uno spettro al di sopra di ogni sospetto?

Musella: Il nostro corto è un gioco leggero che poggia però sul nervo filosofico dell’opera Amleto, sulla domanda “essere o non essere”. Su questa domanda abbiamo creato un meccanismo scenico che producesse una tensione, ma che, come la domanda, restasse senza soluzione.

Mazzarelli: Il secondo nervo sul quale il corto si basa è lo spettro. Nel teatro di Shakespeare era comune e veniva accettato che sulla scena ci fosse uno spettro. Amleto è per noi lo spettro del teatro, il fantasma che sempre è in scena. La nostra è una storia che tocca la domanda “essere o non essere” attraverso un gioco sulla domanda e sullo spettro.

Musella: E poi lo spettro è al centro della nostra indagine anche per la sua capacità suggestiva, c’è in quanto non c’è.

Come mai questo titolo?

Musella: Il titolo è giocoso e corrisponde al testo che è uscito fuori, uno scherzo.

Com’è lavorare a ogni aspetto della scrittura e della messa in scena a due?

Mazzarelli: Funzionale, siamo complementari.

Musella: In scena però non è certamente un’ambizione!


INDAGINE SU UNO SPETTRO AL DI SOPRA DI OGNI SOSPETTO
in scena
mercoledì 15 e giovedì 16 maggio

di Lino Musella e Paolo Mazzarelli
con Lino Musella, Paolo Mazzarelli
e il ragazzo che è diventato Amleto
produzione Compagnia MusellaMazzarelli

http://www.teatrofrancoparenti.it/?p=informazioni-spettacolo&i=707

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: