KADDISH

di Giuseppe Tammaro

Teatro o Poesia? Preghiera o Musica? Cosa hanno visto o sentito gli spettatori venuti al Franco Parenti questo 16 Maggio? Ferdinando Bruni, sotto la guida di Francesco Frongia, ‘decanta’ Kaddish, una delle opere principali del poeta statunitense Allen Ginsberg.

1957. Beat Hotel di Parigi. Ginsberg, sotto effetto di anfetamine, inizia il componimento di una delle sue opere più importanti, Kaddish: meditazione sulla morte della madre Naomi, affetta da una rara malattia psicologica e sull’allontanamento della sua religione natìa. Non a caso, la parola ebraica fa riferimento alla preghiera che si recita durante le cerimonie funebri nel rito giudaico. Ma a differenza del trazionale Kaddish ebraico che non contiene riferimenti all’aldilà, ma anzi celebra l’esaltazione del nome di Dio, il poema di Ginsberg è pieno di pensieri e domande sulla morte.

L’amicizia e la collaborazione con Bob Dylan, in occasione dell’album Desire e della Rolling Thunder Revue, fa capire quanto importante sia il sound nella poesia di Ginsberg. Il poeta stesso, parlando dei suoi testi, pone estrema attenzione sulla vocalizzazione musicale e sulla sonorità: evidenziando come la poesia musicale sia un elemento strutturale-essenziale del suo fare poetico.

E nel vibrare sonoro dell’aere dove si va perdendo la fumosa poesia, si staglia, nella luce fioca, l’immobilità del poeta-attore seduto dietro una scrivania. Circondato da televisori a tubo catodico di diverse dimensioni, si avverte insieme la costrizione e il rigetto del materialismo che sono caratteristiche imprescindibili della Beat Generation: movimento letterario nato nel secondo dopo guerra, il cui poeta scrittore fin qui discusso è uno dei principali esempi.

La martellante intensità e levità con la quale viene cantata la poesia, il recitar salmodiante, le immagini quasi disturbanti trasmesse da dei televisori sono tutti gli elementi che hanno fatto lo spettacolo Kaddish di Francesco Frongia con Ferdinando Bruni, teatro, poesia, preghiera e musica.

testi Allen Ginsberg

traduzione Luca Fontana

con Ferdinando Bruni

regia e video Francesco Frongia

musiche Giovara/Giaccone

produzione Teatro dell’Elfo

Per ulteriori informazioni clicca qui

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: