“PER NON TROVARE LE SOLITE FORME UN ARTISTA RISCHIA LA FOLLIA”

di Angelica Cantú Rajnoldi

 

Il Teatro Franco Parenti ha deciso quest’anno di ospitare una ricca e diversificata collaborazione col mondo del design, pensando che il teatro non sia solamente un luogo in cui avvengono spettacoli, dibattiti politici e presentazioni. Oggi questo palcoscenico ha avanzato la proposta di rivestire il ruolo di protagonista durante il Salone del Mobile

 Nasce così una nuova realtà che ospita dal 9 al 14 aprile numerose esposizioni, tra cui “Riflessioni Riflesse”, a cura di Jean Blanchaert, con la collaborazione di Irina Eschenazi e di otto artisti-designer, quali Simone Crestani, Silvia Finiels, Pietro Follini, Raoul Gilioli, Joanna Louca, Sedicente Moradi, Omri Revesz e Maria Grazia Rosin. 

Tale progetto chiede allo spettatore di instaurare un dialogo con l’opera e di lasciarsi travolgere dalla libera interpretazione, dando vita a riflessioni intime e interazioni  innovative con l’ambiente. 

Si tratta di una fantasia che prende forma attraverso il vetro, l’acqua, gli specchi: tutti materiali che riflettono e lasciano riflettere sul rapporto tra uomo e spazio, invogliando a intraprendere una ricerca che infine rimanda a una maggiore coscienza di se stessi. 

Le immagini scomposte di acqua su cristallo di Raoul Gilioli e lo specchio ricco di piante con funzione di biofiltrazione naturale di Pietro Follini ne sono un grande esempio: entrambi, spaziando tra arte, comunicazione e design, spingono il pensiero ai sempre più discussi temi dell’inquinamento e dell’eco-sistema, facendo appello alla coscienza del cittadino contemporaneo. Con quale arte esprimere determinati concetti se non con il vivo e urbano design? 

Per non trovare le solite forme un artista rischia la follia” afferma il curatore Jean Blanchaert. Ed è proprio andando a scavare nelle idee e nelle forme che gli otto artisti  sono stati capaci di rendere i visitatori partecipi di un’esperienza sensoriale carica di tematiche contemporanee, tramite una pianificazione del design conturbante e la spontaneità propria dell’essere umano. 

 

Per maggiori info cliccate qui

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: