La felicità in comodato d’uso dei Kepler-452

di Matteo Resemini 

Fino a domenica 21 ottobre, la compagnia Kepler-452 mette in scena il suo Giardino dei ciliegi. Alla base un capolavoro che serve come denuncia. Čechov si rivolta nella tomba e arriva a Bologna. Come? Scopritelo.

Ebbene sì, lo hanno fatto di nuovo! Hanno nominato il nome di Čechov invano, e lo hanno invocato attraverso la sua opera più celebre e affascinante: Il giardino dei ciliegi. Peccato che qui i ciliegi sono già stati segati via; il drammaturgo russo non c’entra molto con la storia parallela e lontana – nello spazio e nel tempo – con i moderni Ljuba e Gaev, i coniugi bolognesi Annalisa e Giuliano Bianchi, sfrattati dopo trent’anni dalla propria casa. Ecco dimostrato il motivo della “felicità in comodato d’uso”. Una coppia stravagante che indossa la pelliccia, pur amando e accudendo gli animali di ogni tipo e razza, inclusi falchi, cavalli, mucche, leopardi, pappagalli e Co.

Uno sperimento di pura metateatralità, intriso certamente di riscoperta umanità, ma anche di numeri circensi che incensano disparate e numerose problematiche del nostro tempo.

L’intenzione a priori della compagnia Kepler-452, composta ora dal regista e interprete Nicola Borghesi, Paola Aiello e il cantante de Lo Stato Sociale Lodovico Guenzi, il biondo che intona e spera “una vita in vacanza”, è quella di aprire da un lato le porte del teatro a un pubblico nuovo, meno incline al purismo ben recitato e rispettoso della tradizione dei classici, un pubblico più paziente agli sperimenti, soprattutto quelli che fondono realtà biografiche e finzioni sceniche, miscelate con un mixer di non professionisti, che non hanno nulla da raccontare se non di loro stessi.

Sono solo i protagonisti e, citando Durrell, i loro “altri animali”, a sorprendere per la tenera interpretazione e la resilienza alle disdette della vita; non sorge pietà o compassione, ma vicinanza e ammirazione. Prima di resistere occorre esistere, a prescindere da tutto e da tutti, e i coniugi Bianchi esistono perché sono fedeli a loro stessi e la loro cangiante simpatia, aspra a volte, aspetta di essere interrogata fino a domenica 21 nella Sala Tre del Teatro Franco Parenti.

La compagnia in sé è un gruppo di persone buone che sanno anche vestire i panni degli attori filantropi. La vicenda ideata, nella rossa Bologna, è curata per ironia della sorte da un… Borghesi, ed è raccontata a incastro; benché ci siano troppe digressioni, i soliloqui sul finale sono disarmanti.

Invero il gruppo è sì coeso, ma fin troppo caotico, sensorialmente parlando, un po’ troppo azzuffato. Ma forse occorre questo discernimento dalla normalità e dalla tranquillità, per ricreare un regno di ricordi che sono sensazionali e strambi.

Anche se un comune intima lo sfratto da una casa colonica, non si può sfrattare un’anima innocente da un corpo forte e coraggioso: questo in soldoni è l’epimitio che si può estrapolare dalla vicenda.

La scena rimane sempre aperta, anche quando si entra e si esce dalla sala, aperte sono le possibilità di un futuro nubivago e traballante per Annalisa e Giuliano, che regalano una storia che profuma di civiltà e di rimpianto.

Quando le vite semplici incontrano il teatro, vengono fuori spettacoli come questi.

L’arca di Noè è stata distrutta, non ci sono colombe che annunciano la pace, e neppure, si spera, “I gabbiani” di un Čechov riesumato male.

Una pièce carina.

Per maggiori informazioni cliccate qui.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: