Ritratto di un eroe moderno: Paolo Borsellino essendo stato di Ruggero Cappuccio

di Valeria Nobile

Dopo il successo di Pueblo e di Hermada- strada privata , il Teatro Franco Parenti è pronto ad ospitare il nuovo appuntamento del percorso Passione CivilePaolo Borsellino essendo stato,  scritto ed interpretato da Ruggero Cappuccio, in scena dal 15 al 20 maggio.

Sul palco, le parole di Paolo Borsellino che nessuno ha mai ascoltato: il discorso pronunciato davanti al Consiglio Superiore della Magistratura nel luglio del 1988. Convocato per rispondere ad alcune sue dichiarazioni rilasciate alla  stampa, in cui  esprimeva la necessità di riformare il pool antimafia di Palermo, il giudice pronuncia un discorso di quasi quattro ore. Cappuccio parte proprio da qui, immaginando un monologo di Borsellino durante gli ultimi secondi di vita, prima dell’attentato in via D’Amelio.

Quegli istanti prima della fine, si dilatano e diventano l’occasione per raccontare la vita di qualcuno  che ha fatto di ciò in cui crede una missione ed è consapevolmente pronto a morire per questo. “Palermo non mi piaceva” -dirà- “per questo ho imparato ad amarla. Perché il vero amore consiste nell’amare ciò che non ci piace per poterlo cambiare“. Con questa breve riflessione, Borsellino riassume il suo essere uomo, prima ancora che giudice.

Va così svelandosi il senso intero di una vita, il senso della missione del magistrato palermitano, essendo stato ed essendo Stato. Una tranche de vie più che mai sospesa tra realtà urbana e un amore profondo e nostalgico per una Sicilia che sembrava aver perduto la sua armonia. L’infanzia, i complicati anni della maturità, il palazzo di giustizia e quei difficili 57 giorni dopo la morte l’amico Giovanni Falcone: sono tutti elementi che vanno ad intrecciarsi con un instancabile progetto per un futuro migliore.

Perfettamente in linea con gli obiettivi del percorso, lo spettacolo promette di essere oltremodo intenso e illuminante nell’offrire un ritratto di quello che è unanimemente riconosciuto come un vero eroe moderno. Nata nel 2006 in seno alla compagnia Teatro Segreto – di cui Ruggero Cappuccio è fondatore e direttore artistico-  la pièce è già apparsa sul piccolo schermo nel 2016, come film-documentario per Rai Storia. Un ritorno al palcoscenico, dunque, a testimonianza del ruolo del teatro come mezzo ideale per parlare (e per costruire) con semplicità e chiarezza quella tanta agognata coscienza civile che alberga, spesso nascosta, in ognuno di noi.

scritto e interpretato da Ruggero Cappuccio

impianto scenico Mimmo Paladino
immagini Lia Pasqualino
costumi Carlo Poggioli
musiche originali Marco Betta
progetto luci e aiuto regia Nadia Baldi
Produzione Teatro Segreto srl

 

Per altre info e prezzi cliccate qui

 

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: