Nicole Mitchell: Black Music in rosa

di Francesco Marzano

La flautista di Chicago torna a Milano  lunedì 25 Aprile per Jazz al Parenti col suo Quartet: sonorità afro-americane e intuito femminile danno nuova linfa al jazz.

Che il jazz non fosse appannaggio dei soli uomini ce l’hanno mostrato Sarah Vaughan, Billie Holiday, Nina Simone, Alice Coltrane e Dorothy Ashby. Ma per ribadirlo, se ce ne fosse bisogno, torna a Milano Nicole Mitchell con il suo ultimo lavoro Artifacts, scritto in collaborazione con il violoncellista dei Black Earth Strings Tomaka Reid.

Pluripremiata flautista e compositrice di Chicago, ha fondato il Black Earth Ensemble e il Black Earth Strings ed è attiva in molti altri progetti (Indigo Trio, Ice Crystal, ecc.). Insegna Integrated composition, improvisation and technology alla University of California (Irvine), corso che da solo basterebbe a mettere in luce la poliedricità della musicista, oscillante tra improvvisazione e musica scritta, tradizione afroamericana e innovazione.

La musica della Mitchell celebra la cultura afro-americana, ma si espande su altri generi e innesta nuove idee su sostrati d’avanguardia jazz, blues, R&B e soul.
Proveniente dall’esperienza del collettivo artistico della Association for the Advancement of Creative Musicians (nata a Chicago, anni ’60), la Mitchell si colloca, in quanto flautista, sulla scia di Eric Dolphy, Hubert Laws e Rahsaan Roland Kirk ed è erede, per la black music in senso lato, dei Coltrane (sia John che Alice) e del “mistico” Pharoah Sanders.

«Trovo la musica in ogni cosa e i miei sogni hanno sempre una colonna sonora di cui a volte conservo memoria al risveglio. La musica è già lì e io mi limito a manifestarla sulla carta in modo che possa essere suonata. È soprattutto una questione d’intuito».

Così la Mitchell, alchimista di un jazz che combina delicatezza melodica e coin volgenti ritmi etnici, descrive il proprio rapporto con la musica.
I suoi organici multi-genere e multi-generazionali propongono sonorità uniche, un jazz contemporaneo: non swing rétro né sperimentalismi ermetici e sfrenati, ma solo il piacere di una musica limpida, spontanea e comunicativa. Sì, perché la Mitchell dialoga con il pubblico, usa flauto e voce per raccontare la sua storia.

Il suo jazz unisce culture e pubblici diversi, è metropolitano e cosmopolita, propositivo e concreto.

 

LUNEDÌ 25 APRILE 2016 | ORE 21:00

NICOLE MITCHELL’S QUARTET

Nicole Mitchell – flauto
Pasquale Marra –
vibrafono
Tomeka Reid – violoncello
Silvia Bolognesi –
contrabbasso

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: