ALBERTAZZI RITORNA ADRIANO

di Greta Salvi
di Greta Salvi

Luglio 1989: è la calda estate che precede la caduta del Muro di Berlino quando, dalla suggestiva cornice di Villa Adriana, debutta in prima assoluta Memorie di Adriano, tratto dal romanzo di Marguerite Yourcenar. Protagonista, Giorgio Albertazzi.

Dopo 26 anni e oltre 700 repliche in tutto il mondo, lo spettacolo, tra i più fortunati e longevi del teatro italiano, torna in scena (fino al 2 luglio) al Teatro “Franco Parenti” di Milano.

Albertazzi 1

Ad interpretare, anzi, ad impersonare l’imperatore romano è sempre lui: il maestro. Dopo anni di repliche, riprese, tournée, personaggio e interprete sembrano fondersi, nella figura di questo gigante del teatro italiano, classe 1923. Eppure per Albertazzi la prima milanese dello spettacolo è un momento speciale. L’attore stesso lo rivela alla fine dello spettacolo, rivolgendosi, un po’ commosso, al pubblico: quel pubblico che ha salutato il suo ingresso in scena con un caloroso applauso e che, al termine, lo omaggia con una standing ovation che ha il sapore di un abbraccio. É una serata speciale perché, dopo alcuni anni di assenza dello spettacolo dalle scene, Memorie di Adriano ritorna in una città e in un teatro particolarmente significativi per Albertazzi. A Milano lo legano i ricordi delle produzioni televisive, degli studi RAI di Corso Sempione, agli albori della televisione italiana. Al Teatro Parenti lo lega il profondo affetto per Andrée Ruth Shammah.

Albertazzi-Shammah

In questa serata speciale, Albertazzi ha ripercorso, ancora una volta, i ricordi di Adriano: la parabola politica e umana di un imperatore che, giunto alla vecchiaia, traccia un bilancio della propria vita. L’ambizione, l’amore, il potere, le vittorie militari, l’anelito alla bellezza emergono in filigrana attraverso il velo di una struggente malinconia. La gloriosa profezia, «Tu seras Emperador!», si è avverata, ma appartiene ormai al passato; un passato a cui l’imperatore guarda con sereno distacco, allo stesso modo in cui si confronta con la decadenza fisica e la fine ormai prossima. Tra i tanti, attualissimi spunti di riflessione offerti dal testo (pressoché immutato in tutti questi anni), c’è anche questo: Adriano ci insegna ad abbandonare l’affanno (così tipico della nostra società), a lasciar scivolare via i rimpianti, a cercare di guardare a sé stessi e alla propria vita con verità, ma anche con affetto e indulgenza.

———————

23 GIUGNO – 2 LUGLIO

MEMORIE DI ADRIANO

di Marguerite Yourcenar
con Giorgio Albertazzi
e con
Stefania Masala
Evelina Meghnagi musica e canti
Armando Sciommeri (percussioni)
Giovanna Capuccio
regia di Maurizio Scaparro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: