Basic Instinct lavorativi

Photo (1)
di Mariafrancesca Moro

Non avrete mica creduto che avessimo smesso di interessarci alle vostre opinioni? Niente affatto. Dopo una lunga pausa, ché a noi piace prendercela comoda, i nostri Basic Instinct tornano ad attendervi fuori dalle sale, armati di taccuino e di tanta curiosità. Pronti a goderci la nuova stagione e pronti, soprattutto, a indagare i vostri pareri. Desiderosi come sempre di scoprire cosa ne pensate, cosa vi è piaciuto e cosa no, cosa hanno suscitato in voi gli spettacoli visti.

Oggi tocca a Un anno dopo di Tony Laudadio, racconto di vita tra due colleghi che lungo trent’anni intrecciano le rispettive esistenze nell’ufficio in cui lavorano. Tempo e lavoro, lavoro e tempo: condizioni che scandiscono da sempre il nostro vivere, al centro della pièce e di un dialogo tra l’autore e il giornalista Dario Di Vico, programmato mercoledì 10 dicembre alle 18. 

Ma cosa ne pensa il nostro amatissimo pubblico? Lo abbiamo chiesto direttamente a loro.

Uffici Telecom Italia, immagine d'archivio
Uffici Telecom Italia, immagine d’archivio

 

Si rispecchia più in Giacomo o in Goffredo? 

Michael, 42 anni, neofita del Parenti: «In Giacomo, senza dubbio. Un tipo coi piedi ben piantanti a terra, proprio come me.»

Le vite dei protagonisti ruotano intorno a una routine ben precisa, lei cosa ne pensa? L’abitudine è una prigione o può essere fonte di sicurezza?

Alberica, 51 anni, controparte umanista di Letizia: «Basta un niente perché il tran tran quotidiano si trasformi in prigionia. Sta a noi riuscire a portarci dentro qualcosa di nuovo, a dare a ogni giornata uno sprazzo di unicità.»

Con tutto quel parlare di andar via, Goffredo ha fatto venir voglia di fuggire anche a lei?

Letizia, 53 anni, economista con un’anima da vagabonda.

«Un po’, sì. Sarebbe bello poter piantare tutto e scappare via, senza meta, seguendo solo l’istinto del momento.»

Storie di vita in ufficio: più amici o nemici? 

Nicola, 32 anni, pubblicitario: «Tanti nemici, ma ogni tanto anche qualche compagno di letto.»

Rossella, 63 anni, impiegata: «Più amici. E un solo lungo amore.»

Ehi, attenzione: nella vita mai sedersi per troppo tempo vicino a una sola persona. 

UNADOP

Lavorare tanto e guadagnare, o faticare meno e avere più tempo per sé?

Carla, 48 anni, giornalista: «Sarebbe bello faticare poco e godersi il tempo; invece si lavora tanto, e si guadagna pure poco.»

Simone, 22 anni, studente di Medicina: «Farò il chirurgo estetico, guadagnerò un sacco di soldi e passerò il mio tempo a rifare tette.»

Con i chiari obiettivi di Simone vi salutiamo, e vi diamo appuntamento alla prossima puntata.

 

 

3 | 21 dicembre 2014, Teatro Franco Parenti

UN ANNO DOPO

di Tony Laudadio 

con Tony Laudadio e Enrico Ianniello, regia di Tony Laudadio

 

Mercoledì 10 dicembre ore 18.00

Tempo della vita, tempo del lavoro

Conversazione con Tony Laudadio e Dario Di Vico

Ingresso libero con prenotazione a promozione@teatrofrancoparenti.it

 

Informazioni e prenotazioni: 02.59995206

Teatro Franco Parenti, via Pier Lombardo 14, 20135 Milano

http://www.teatrofrancoparenti.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: