L’impresa di vivere, secondo Hanoch Levin

1269053_10201166169170598_1958351290_o
di Giuseppe Paternò di Raddusa

 Metti una sera, a letto, Yona e Leviva Popukh: una coppia di mezza età, sdraiata su un talamo, si vomita addosso, e senza ritegno, insulti, frustrazioni e vaghi bagliori di umanità. Sono i protagonisti de Il lavoro di vivere, feroce commedia dai dialoghi brillanti firmata nei primi anni Ottanta dal drammaturgo israeliano Hanoch Levin (prematuramente scomparso nel 1999), che per due mesi, da ottobre a dicembre, verrà messa in scena al Teatro Franco Parenti per la regia di Andrée Ruth Shammah. Protagonista, uno dei più straordinari interpreti della scena teatrale italiana, Carlo Cecchi, affiancato sul palco da Fulvia Carotenuto. Delle opere di Hanoch Levin, in Italia, si è sempre visto poco. È incontestabile, tuttavia, che si tratti di una figura fondamentale per la drammaturgia del Novecento: autore dalla produzione ricchissima (che include sketches, cabaret, poesie, sceneggiature e una cinquantina di opere destinate al palcoscenico), è stato in grado di raccontare, in maniera autentica e irriverente, la tragicità del dolore umano.

Carlo Cecchi e Fulvia Carotenuto, foto di Fabio Artese
Carlo Cecchi e Fulvia Carotenuto, foto di Fabio Artese

Il lavoro di vivere è un testo conflittuale, spietato, tra i lavori più incisivi di tutta la sua carriera. Una commedia crudele, ironica e beffarda, dal ritmo secco e sincopato. I protagonisti sono bestie incapaci di amare: si sentono finiti, irrimediabilmente scaduti. Il marito è ossessionato da una morbosa fascinazione per il futuro e per il passato, la moglie è la rappresentazione vivente del presente che detesta, colei che lo pone davanti alla ‘pozzanghera’ che ha creato e sulla quale ha duramente investito. Una donna dalle molteplici sfaccettature, a partire dal nome, Leviva: in italiano può tradursi sia come ‘leonessa’, che come ‘frittella unta’E quando il molesto Gunkel (Massimo Loreto) irrompe sulla scena per insinuarsi viscidamente tra i due, sembra che qualcosa, nella deriva della loro relazione, potrebbe trasformarsi.

Quella dei Popukh è una storia d’amore sfiorita, che diventa trincea di vituperio e d’infamia, di sarcasmo e disprezzo. Leviva e suo marito si immettono in un percorso drammaturgico che diventa quasi biologico: sulla scena il dramma mentale e sentimentale di Yona procede in parallelo a quello del suo corpo. «E allora chi è il problema?», chiede l’uomo alla moglie. «Tu. E non hai dove fuggire, perché dovunque vai ti trascini dietro te stesso». Umanità, nel lavoro di Levin, fa rima con zavorra. Il suo è un teatro che non ha (più) spazio per gli eroi, ma per i perdenti, per quei sommersi che non possono essere salvati. Le uniche forme di energia resistono, come virus impossibili da debellare, nel germe della violenza, dell’attacco e dell’insolenza. Sarebbe riduttivo prendere l’opera di Hanoch Levin e sintetizzarne lo spessore definendola fiera icastica di vanità. Il lavoro di vivere è questo, ma anche molto altro: veicolo di vitali cattiverie e passaggi altresì altamente poetici, dispositivo fondamentale per comprendere un autore scomodo e inspiegabilmente poco ‘frequentato’. Un cantore che, dai racconti di passioni e dolore, è stato in grado di mitizzare – seppure a suon di lacrime e rancori – le scarnificate tracce dei nostri ultimi legami con l’esistenza.

Schermata 2014-10-19 a 12.36.31
Hanoch Levin nel 1996, in tre scatti di Gadi Dagon

——————

27 novembre | 13 dicembre 2015

IL LAVORO DI VIVERE di Hanoch Levin

Uno spettacolo di Andrée Ruth Shammah  

Con Carlo Cecchi, Fulvia Carotenuto, Massimo Loreto

e con la collaborazione  

per l’allestimento scenico di Gianmaurizio Fercioni

per i costumi di Simona Dondoni

Luci Gigi Saccomandi

Musiche Michele Tadini

 

 

Informazioni e prenotazioni: 02. 59995206

Teatro Franco Parenti, via Pier Lombardo 14, 20135 Milano (MI)   http://www.teatrofrancoparenti.it  

2 Comments

Add yours →

  1. La critica a quest’opera teatrale è eccelsa! Coglie i dettagli più intimi dei protagonisti è dell’opera tutta! Complimenti!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: