Quei bravi ragazzi… del C.T.A.

GINEVRA ERICA
a cura di Erica Belluzzi e Ginevra Isolabella

Brecht Frammenti va in scena il 18 e 19 giugno al Teatro Franco Parenti. Lo spettacolo nasce nell’ambito di un progetto curato da Valentina Garavaglia, docente del Laboratorio sui mestieri del Teatro della Libera Università di Lingue e Comunicazione IULM: gli studenti del Laboratorio hanno rielaborato Terrore e miseria del Terzo Reich di Bertolt Brecht, interpretato sulla scena dagli allievi del I e II anno dell’Accademia di formazione per attori del Centro Teatro Attivo di Milano. A coordinare il lavoro, il regista Fabio Cherstich, la fondatrice del C.T.A. Nicoletta Ramorino e l’attrice Annina Pedrini. Curiosi di saperne di più sulla messinscena, abbiamo «disturbato» i giovani attori durante le prove, a pochi giorni dal debutto…

REP 1

Come mai la scelta è caduta su questo testo?

Beatrice, 21 anni, studentessa di filosofia e attrice
Beatrice, 21 anni, studentessa di filosofia e attrice

Il male, per evitarlo, devi conoscerlo. E il nazismo, calpestando a tal punto ogni valore, finisce per assurgere a simbolo stesso del male e di negazione dell’uomo. Non si crede più in niente, non ci si fida più di nessuno, sembra che la vita stessa non sia più degna di essere vissuta. Questo mi ha colpito più di tutto.

Cosa hai evinto dallo stile e dal contenuto brechtiani?

Edoardo, 24 anni, ha lasciato gli studi di Economia per fare ciò che veramente ama: recitare
Edoardo, 24 anni, ha lasciato gli studi di Economia per fare ciò che veramente ama: recitare

 Mi sono recato nei luoghi dei campi di concentramento, ho studiato antologie, letto libri e visto film sugli orrori del nazismo. Ma ho capito di più leggendo Brecht: il testo ti mette davanti ai fatti in modo spaventoso, mostrando il punto di vista di tutti, dalle SS ai fornai. A nessuno resta niente se non un’immensa sfiducia e diffidenza verso tutti, anche verso i propri familiari – e questo mette i brividi. Fabio Cherstich è riuscito a rendere pienamente il testo di Brecht, le sensazioni che esso procura. Anche nella lettura in chiave comica data a certe scene, ha mantenuto aderenza al testo: d’altra parte, non è forse il macabro l’anima oscura del comico?

Paolo, 21 anni, attore e giurista
Paolo, 21 anni, attore e giurista

Studiando recitazione a New York, ho sentito una grande distanza fra il teatro americano e quello italiano: mi sembra che il primo si focalizzi più sui drammi quotidiani del singolo e il secondo prediliga i grandi temi messi in situazione. Così Brecht presenta, entro un meccanismo corale, sentimenti che toccano nel profondo ogni singolo individuo, riportando alla quotidianità della dittatura del Terzo Reich.

 Qual è la forza della vostra messa in scena?

Altea, 20 anni, finora ha recitato nella natia Rimini
Altea, 20 anni, finora ha recitato nella natia Rimini

 La massa: quando siamo tutti in scena, lo spettacolo è più potente e la qualità di emozione è sensibilmente diversa. D’altra parte stiamo parlando di uno spettacolo corale! Essere diretti da un regista così giovane, ma già affermato, è una fortuna: ha una cultura che gli permette di sapere cosa mettere in scena e come farlo al meglio, attraverso idee fresche, innovative.

Paolo e Lorenzo provano una scena dello spettacolo. Lorenzo, che interpreta un ufficiale delle SS, ci spiega: «In questa scena il mio personaggio fustiga un uomo, ma si preoccupa della propria stanchezza. Ho fatto fatica a entrare nella parte, perché ciò che faccio quando recito è cercare la verità dentro di me, senza fingere»
Paolo e Lorenzo provano una scena dello spettacolo. Lorenzo, che interpreta un ufficiale delle SS, ci spiega: «In questa scena il mio personaggio fustiga un uomo, ma si preoccupa della propria stanchezza. Ho fatto fatica a entrare nella parte, perché ciò che faccio quando recito è cercare la verità dentro di me, senza fingere»

  Parlaci del percorso che vi ha portati alla realizzazione dello spettacolo…

Elena, 21 anni, ha deciso di dedicare la sua vita al teatro
Elena, 21 anni, ha deciso di dedicare la sua vita al teatro

 È stata un’esperienza qualificante: siamo stati diretti in modo professionale e organico, non frastagliato, come invece può accadere durante la preparazione di uno spettacolo conclusivo a un corso di recitazione. Ogni attore vive un processo maieutico con il testo e con il proprio personaggio, arrivando da sé alla comprensione dei significati del lavoro, fino ad assumere una posizione ben definita all’interno del quadro. Poi si uniscono le forze e arriva il bello. Inoltre essere tutti molto giovani, compresi gli studenti dello IULM che fanno da aiuto regia, rende il lavoro divertente e brillante.

Perché vedere Brecht Frammenti?

Francesco, 28 anni, interprete appassionato
Francesco, 28 anni, interprete appassionato

 Lo spettacolo nasce da un lungo studio sul personaggio, affrontato secondo il metodo Alschitz (o della verticale del ruolo), poco usato in Italia. Questo ci ha portati a scavare nelle viscere del testo, dei personaggi e del background culturale di ognuno di essi. È difficilissimo riuscire a trovare la chiave per entrare nel lavoro, ma ci siamo impegnati varcando le soglie di una dimensione delicata e profonda che non avevamo mai sperimentato prima.

Matteo, 22 anni, grintoso ed entusiasta aspirante attore
Matteo, 22 anni, grintoso ed entusiasta

 

Si tratta di un testo molto particolare, composto da ventiquattro scene drammatiche. Questo ha reso possibile una realizzazione “virtuosistica” dei cambi di scena, che danno vita a immagini molto suggestive, a una sorta di sequenza fotografica di grande impatto. Credo che la realizzazione scenica dello spettacolo rifletta in qualche modo il lavoro preparatorio che ne sta alla base, che ha visto succedersi momenti di maggiore leggerezza a momenti di estrema disciplina, garanzia di una grande capacità registica.

 

Cosa vorresti dire al pubblico che verrà a vedervi?

Irene (sulla destra), 28 anni, dedica la vita al sogno di diventare attrice
Irene (sulla destra), 28 anni, dedica la vita al sogno di diventare attrice

Non venite tanto per emozionarvi, quanto per riflettere. È Brecht a chiederlo, trattando di tematiche primariamente umane entro l’ottica estraniante tipica del suo teatro. Secondo questo stesso concetto di estraniazione, noi attori dobbiamo rimanere sempre un po’ fuori, distanti dai nostri personaggi.

 

18-19 giugno ore 21 @ Teatro Franco Parenti

Il Laboratorio sui Mestieri del Teatro della Libera Università di Lingue e Comunicazione IULM

in collaborazione con

Il Centro Teatro Attivo di Milano

presentano

BRECHT FRAMMENTI

progetto a cura di Valentina Garavaglia

coordinamento di Fabio Cherstich

Informazioni e prenotazioni: 02.59995206

Teatro Franco Parenti, via Pier Lombardo 14, 20136 Milano

www.teatrofrancoparenti.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: