Il noir sulle ventitré

di Giuseppe Paternò di Raddusa
di Giuseppe Paternò di Raddusa
Wrong
Wrong, il primo dei cinque film del ciclo NottiNoir.

 

Milano si colora di nero: cinque noir contemporanei mai distribuiti nelle sale della penisola – dopo aver circolato nei festival di tutto il mondo –  verranno infatti  proiettati nella Sala A come A del Teatro Franco Parenti, già cornice della rassegna estiva Nuovo cinema Parenti, promossa con grande successo dal teatro stesso e dall’associazione ceCINEpas. NottiNoir, evocativo nome della rassegna, si prepara a sconvolgere i vostri venerdì sera…

Compliance
Compliance

Incontriamo Lorenzo Vitalonecollaboratore storico del Teatro e tra gli ideatori di questo ciclo in nero: siamo soprattutto curiosi di sapere come reagirà il pubblico milanese a un evento programmato in un orario insolito (le ventitré di ogni venerdì, per cinque appuntamenti). E abbiamo deciso di infastidirlo un po’ con le nostre domande, a poche ore dalla proiezione del primo film: Wrong di Quentin Dupieux.

John dies at the end
John dies at the end

Caro Lorenzo, il cinema e il Teatro Franco Parenti: due realtà che si sono incontrate più volte. 

La vocazione e l’aderenza al linguaggio cinematografico nascono insieme al Teatro Franco Parenti.  Il Salone Pier Lombardo, poco dopo la fondazione, ha ospitato un gran numero di eventi legati al cinema: ricordo ancora una proiezione della copia censurata di Salò, di Pier Paolo Pasolini. Senza dimenticare Miro Silvera, che allora era curatore responsabile di una rassegna dedicata alle opere liriche e, altresì, al giallo, al noir

E oggi?

Oggi, dopo il buon riscontro ottenuto la scorsa estate da Nuovo Cinema Parenti, per volontà di Andrée Ruth Shammah siamo tornati a collaborare con gli amici dell’associazione di ceCINEpas e creare quest’evento, NottiNoir, che andasse a coprire quell’unica parte della giornata ancora “scoperta”: adesso, ampliando la programmazione in modo da occupare tutti gli spazi possibili della giornata, speriamo di avvicinare quel pubblico che il venerdì sera è più riposato dopo una settimana di lavoro, e che si prepara ad affrontare il weekend senza pensare al risveglio del giorno successivo. E al di là della qualità dei film in programmazione, a mio parere di alto livello, c’è la curiosità di provare l’esperimento delle ventitré:  un fuori orario che potrebbe conquistare la fiducia di cinefili nottambuli. Non mancherà, come consuetudine da noi al Parenti, la convivialità: sarà possibile bere birre biologiche e gustare prodotti a chilometro zero, per esempio.

 Headhunters

Headhunters

Il noir mentre fuori imperversano le tenebre: perché?

Questa sarà una rassegna che si snoderà attraverso il noir, alla ricerca della parte sotterranea e più nascosta in ognuno di noi. Noir sono tutti i film di Roman Polanski, sono i turbamenti delle anime, sono i capolavori di Orson Welles. Credo che noir sia qualcosa in grado di perturbare; e la scelta della notte non è casuale. Fino ad arrivare alle quattro, alle cinque del mattino, che – come raccontava Bergman ne L’ora del lupo – è l’ora in cui nascono i bambini, i vecchi muoiono, i fantasmi si stanno dileguando, i sogni anche… ed è anche quella fascia del giorno in cui noi, proiettando le nostre angosce, le riceviamo guardandole sullo schermo, in un processo che diventa osmotico e catartico.

The chaser
The chaser

Tra gli anni Quaranta e Cinquanta il noir ha vissuto un momento fondamentale: quali classici (o quali film da recuperare) proietterebbe per un’eventuale rassegna?

 Sono molto legato alla figura di Barbara Stanwyck, pronta a rivelare la sua muliebre fatalità, in La fiamma del peccato di Billy Wilder: nel 1944 l’autore austriaco è stato in grado di girare un noir che è anche un film psicologico, un dramma, un film sentimentale. Ma come dimenticare Lana Turner e John Garfield ne Il postino suona sempre due volte di Tay Garnett? Come trascurare l’apporto di Fritz Lang con film come Gardenia Blu o Il grande Caldo? Sarebbe criminale dimenticare capolavori come The Lady from Shangai e L’Infernale Quinlan di Welles, I diabolici di Clouzot, Il mistero del falco di John Huston. La scala a chiocciola di Robert Siodmak? Impareggiabile. E farei recuperare quei bellissimi, cattivissimi noir inglesi: su tutti, Sangue blu di Robert Hamer, con un incredibile Alec Guinness.

Gardenia blu, uno dei piaceri forti di Lorenzo Vitalone.
Gardenia blu, uno dei piaceri forti di Lorenzo Vitalone.
La fiamma del peccato: Barbara Stanwyck indimenticabile femme fatale
La fiamma del peccato: Barbara Stanwyck  femme fatale impenitente

Il noir, tra l’altro, è in grado di mescolare le carte, di giocare con la commedia…

 Non solo opere sul turbamento, è vero: si tratta di un genere che nasce con la risata, ai primordi del cinema. In grado di tener desto lo spettatore e non annoiarlo mai; è quello che ci auguriamo anche noi, sperando che il sonno non colga i nostri spettatori!

WRONG

venerdì 22 novembre | h23
di Quentin Dupieux – Francia/Usa (2012, 94 min) 
COMPLIANCE
venerdì 29 novembre | ore 23
di Craig Zobel – Usa (2012, 90 min) 
JOHN DIES AT THE END
venerdì 6 dicembre | ore 23
di Don Coscarelli – Usa (2012, 99 min) 
HEADHUNTERS
venerdì 13 dicembre | ore 23
THE CHASER
venerdì 20 dicembre | ore 23
di Hong-jin Na – Corea del Sud (2008, 125 min)

Maggiori informazioni su: http://www.teatrofrancoparenti.it 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: